Archivi del mese: ottobre 2013

Notazioni del Presidente Nazionale dell’ANPI Carlo Smuraglia

Smuraglia-ANPIAlla manifestazione del 26 ottobre a Bologna, davanti ad una multiforme platea, ho colto l’occasione per spiegare (ancora una volta, ma ce n’è sempre bisogno) le ragioni della nostra ferma contrarietà, rispetto non solo al disegno di legge costituzionale che “deroga” all’art. 138 della Costituzione, ma anche – nel merito – al progettato sistema di riforme costituzionali. C’è chi ci sta spiegando che non abbiamo capito, che non c’è nulla di straordinario; anzi, che in ciò che si sta facendo, anche a proposito dell’art. 138 della Costituzione, ci sono aspetti altamente positivi, così come – naturalmente – anche nel resto.

Ci permettiamo di dissentire e di insistere sulle nostre ragioni di fondo, che spiegherò ancora una volta, creando una specie di rapida sintesi che riassume e rappresenta, come diceva un grande scrittore “l’inverno del nostro scontento”

Sono andato sabato a Bologna, per una manifestazione significativa (“Con la Costituzione il nostro futuro”), promossa dal Comitato provinciale dell’ANPI di Bologna, col patrocinio dell’ANPI nazionale.

Con questa manifestazione si intendeva, prima di tutto, continuare il cammino che abbiamo iniziato col nostro documento del 18 maggio sulle “riforme costituzionali” e con le numerose iniziative delle nostre sedi ANPI provinciali da quel momento a tutt’oggi; in secondo luogo, riprendere il dialogo con le altre Associazioni con cui era stata organizzata la manifestazione del 2 giugno a Bologna, superando la breve interruzione derivata da un dissenso (nostro e non solo) sulla manifestazione del 12 ottobre, organizzata al di fuori di ogni intesa con l’ANPI e, a nostro avviso, corredata di intenti che andavano (o potevano andare) al di là del progetto originario, che era quello di combattere insieme un complesso di riforme costituzionali considerato da molti di noi e da tante associazioni come inadeguato e pericoloso, nel metodo e nel merito. Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in documenti, new

«La Carta in mano agli inaffidabili»

sr
(Manifesto del 26-10-2013)
Intervista a Stefano Rodotà: «Strappo all’art.138, la maggioranza si è assottigliata, per pochi voti si poteva dare la parola ai cittadini. I giochini del Pdl dimostrano che le modifiche costituzionali si faranno con chi le usa come strumenti di guerriglia parlamentare»
.
.
Professor Rodotà, partiamo dal voto al Senato sullo «strappo» – parole sue – all’art. 138 della Carta. Per soli cinque voti al Senato sono stati superati i due terzi dei sì. Non sarà possibile fare il referendum.
Partiamo dal dato numerico: si è visto in maniera evidente che sulla modifica dell’art.138 il consenso parlamentare è molto modesto. La maggioranza non è stata compatta. Per ragioni di convenienza politica?, per schermaglie interne al Pdl? Sta di fatto che su questo passaggio grave non si può dire che ci sia una forte convinzione parlamentare. Bastava che pochi uscissero dall’aula o si astenessero perché il risultato fosse capovolto. E chi dice che una parte del Pdl ha votato strumentalmente conferma che ogni passaggio delle riforme potrà essere caratterizzato da questa strumentalità. Questa non è una maggioranza cui può essere affidata la riforma.La parte del Pd a cui voi della ‘via maestra’ vi eravate rivolti, a parte rare eccezioni, non ha risposto.
La strada scelta ha attutito la sensibilità costituzionale all’interno del Pd. Non voglio fare polemiche personali, ma sbaglia chi derubrica la modifica del 138 a passaggio tecnico. Non è così: è un fatto senza precedenti. La riforma di Berlusconi e quella dell’art.81, buone o cattive che fossero, sono state fatte rispettando la regola di garanzia.

C’è chi obietta: è una procedura sospesa solo per questa volta.
È un’obiezione strumentale. Ci si batte per il voto segreto sulla decadenza di Berlusconi con l’argomento che non si cambiano le regole a partita cominciata, ma in questo caso non vale? E dire che è stato rispettato «lo spirito» di quell’articolo non sta in piedi: se cambia la procedura si introduce una logica diversa. Si crea un precedente. Un’altra maggioranza, con intenti ancora peggiori di quella attuale, potrebbe dire: l’abbiamo già fatto. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in new

Rodotà: riforma costituzionale, voce ai cittadini

srSo bene quanto sia difficile, oggi in Italia, una discussione ispirata a criteri di ragione e rispetto. È quel che sta accadendo per il tema della riforma della Costituzione. Ma questo non deve indurre a ritrarsi da una discussione che trova talora toni sgradevoli. Impone, invece, di fare ogni sforzo perché una questione davvero fondamentale possa essere affrontata in modo rispettoso dei dati di realtà e delle diverse posizioni in campo.
Quel che si sta discutendo è l’assetto futuro della Repubblica, l’equilibrio tra i poteri, lo spazio stesso della politica, dunque il rapporto tra istituzioni e società delineato dalla Costituzione, il patto al quale sono consegnate le ragioni del nostro stare insieme. Tuttavia, prima di affrontare questioni così impegnative, è necessario ristabilire alcune minime verità. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in new

Attuare o stravolgere la Costituzione? – con Domenico Gallo

-manifesto.incontro.Domenico.GalloPer la diretta Streaming clicca qui (TV)

Lascia un commento

30 ottobre 2013 · 15:44

1 Dicembre a Campo Ligure per la Costituzione

Locandina evento comitato Costituzione Campoligure

Lascia un commento

30 ottobre 2013 · 01:12

Roma 12 ottobre 2013 – Maurizio Landini

Lascia un commento

Archiviato in Video

Emergenza Costituzione a Isola del Cantone

Emergenza Costituzione

Lascia un commento

7 ottobre 2013 · 15:04